Ricerca Avanzata

marco salcito

Nome Completo
marco salcito  
Nome Artistico
marco salcito  
Data di Registrazione
2012-11-09 12:19:52  
Email
marcosalcito@libero.it  
Sesso
M  
Provenienza
Abruzzo, Chieti  



Descrizione Spettacolo

Titolo
J. S. Bach "Variazioni Goldberg"  
Durata
60 Minuti  
Categoria
Musicista
Persone Sulla Scena
1  
Fornito di service Audio/Luci
Si  
Prezzo
1001 - 2000€  
Disponibile per
Festival
Disponibilità territoriale
Tutta Italia Escluse Isole

Galleria Fotografica

Descrizione

Le Variazioni Goldberg (BWV 988), scritte da Johann Sebastian Bach tra il 1741 e il 1745 e pubblicate a Norimberga dall'editore Balthasar Schmid, sono state composte appositamente per Johann Gottlieb Goldberg, a quel tempo a servizio come maestro di cappella presso il conte von Brühl a Dresda.Scritta per clavicembalo solo, l'opera è stata concepita come un'architettura modulare di 32 brani, disposti seguendo schemi matematici e simmetrie che le conferiscono tanta coesione e continuità da non avere eguali nella storia della musica. Insieme all'Arte della fuga può essere considerata il vertice delle sperimentazioni di Bach nella creazione di musica per strumenti a tastiera, sia dal punto di vista tecnico-esecutivo, sia per lo stile che combina insieme ricerche di alto livello musicali e matematiche. L'arrangiamento per chitarra qui proposto, eseguito dal vivo in versione integrale con le tonalità originali, nasce dall'idea di aggiungere alle complesse polifonie ed alle sublimi melodie delle variazioni una ricerca timbrico-espressiva che lo stesso Bach aveva perseguito durante i suoi anni della maturità musicale. J. N. Forkel, l'autore della prima biografia di J. S. Bach nel 1802, raccogliendo personalmente la testimonianza dal figlio C. Ph. Emmanuel, scrive: "Lo strumento preferito da Bach era il clavicordo. Dei cosiddetti "Flügel" (tipo di cembalo appartenuto a Bach) disse che, quantunque anch'essi si prestassero ad una notevole varietà di espressioni, secondo lui non avevano anima e i fortepiani erano ai suoi tempi ancora troppo poco perfezionati e troppo pesanti per soddisfarlo completamente. Considerava perciò il clavicordo come il migliore strumento sia per lo studio, sia, in generale, per far musica in famiglia. Sul clavicordo gli riusciva più facile esprimere i suoi pensieri più delicati che non credeva di poter ottenere su un clavicembalo o fortepiano". Attraverso la duttilità timbrica e dinamica della chitarra, strumento peraltro simile al clavicordo per talune caratteristiche acustiche, le Variazioni Goldberg assumono quindi una luce diversa, intima e struggente che, senza sminuire la magnificenza della costruzione, privilegia l'aspetto umano dell'opera.

Locandina dello Spettacolo

Curriculum

Rider Tecnico